H2biz - International Business HUB
Articolo CREDIT MANAGER MIZUYA: Il cambiamento del paradigma come opportunità di sviluppo e crescita economica
Articolo CREDIT MANAGER MIZUYA: Il cambiamento del paradigma come opportunità di sviluppo e crescita economica

Fornitore      Mizuya Piattaforma di Credit Management

Settore: Credito e finanza

Prezzo: free


Condividi   |   Consiglia   |   Inoltra


“Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare.” W.Churchill

Lo scenario
Il 2019 ha visto una riduzione dei prestiti bancari: questo è dovuto nella maggior parte dei casi ai vincoli stringenti di Basilea 3, alla scarsa cultura finanziaria, alla mancanza di pianificazione finanziaria e di sistemi di controllo di gestione che forniscono tutte quelle informazioni per convincere le banche della solvibilità delle imprese.
Come un “cigno nero”, la discontinuità economica generata dalla Covid19 sta determinando un adattamento del processo del credito e di valutazione dei rischi utilizzato dalle banche. Le tradizionali metriche di valutazione delle controparti vanno rafforzate con un nuovo approccio alla stima dei parametri di rischio in ottica forward looking che tenga conto dello scenario post Covid19. La costruzione di scenari sulla base dei settori di appartenenza delle imprese non appare sufficiente per i limiti insiti nelle classificazioni ufficiali delle attività. L'ottica emergenziale attualmente seguita dalle Banche per gestire lo Shock Economico lascerà spazio ad una Nuova Fase in cui capitalizzare l'esperienza fatta e sviluppare nuove modalità. Servono nuove soluzioni ed interventi per potenziare la capacità dell'impresa di Accesso al Credito per prepararla al prossimo Shock, necessitano nuove metriche e nuovi strumenti per affiancare le imprese nell'individuazione di soluzioni personalizzate per facilitare ed efficientare le strategie di finanziamento. Un ruolo importante sarà svolto dal Fintech, che con le logiche” peer to peer lending” sta rivoluzionando il mercato del credito e del merito creditizio, offrendo alle imprese un’opportunità “storica” di fuga dal nostro sistema “bancocentrico”
Per questo motivo l’impresa dovrà migliorare il proprio rating creditizio, la propria struttura finanziaria, garantendosi quella liquidità che è alla base della continuità aziendale.
Il rating creditizio rappresenta sostanzialmente una misura del grado di rischiosità di un’operazione finanziaria, che ogni istituto di credito sviluppa in occasione della fase di istruttoria delle richieste di finanziamento o in occasione del processo di revisione dei fidi.
Per ottenere un buon rating creditizio è necessario aver impostato una adeguata pianificazione finanziaria al fine di individuare gli indici più rilevanti e migliorare quelli che potrebbero avere un impatto negativo sul rating.
Per questo motivo, l’attività di pianificazione finanziaria si inserisce perfettamente anche nella recente Riforma della Corporate Governance prevista dal Codice della Crisi d’impresa e dell’insolvenza (D.Lgs. n. 14/2019) che impone agli amministratori ed ai sindaci di dotarsi di adeguati supporti per intercettare segnali precoci di crisi.
A seguito dell’emergenza Covid-19, questa capacità di intercettare le risorse che il sistema finanziario mette a disposizione, sfruttando tutte le opportunità oggi disponibili, ha acquisito una importanza ancora più rilevante.
Conoscere approfonditamente le modalità di funzionamento del Fondo Centrale di Garanzia e della SACE costituisce per una impresa un formidabile vantaggio competitivo, in un momento in cui una adeguata dotazione finanziaria consente di superare una situazione di difficoltà ed avviare un percorso di turnaround e rilancio.
Ogni azienda dovrà conoscere gli strumenti necessari per effettuare approfondite analisi aziendali finalizzate a migliorare il rating creditizio e avviare piani di crescita, turnaround e ristrutturazione, dovrà progettare e realizzare un modello “taylor made” di rilevazione precoce di segnali di crisi e perdita della continuità aziendale previsti dal D.Lgs n. 14/2019. Solo con questo nuovo approccio, con queste nuove metriche predittive e organizzative, le imprese potranno affrontare le tempeste dell’”Oceano rosso” verso le placide spiagge dell’”Oceano Blu” del mercato creditizio e finanziario.
In questo contesto la figura del Credit Manger, con le sue competenze e peculiarità, diventa uno strumento imprescindibile per l’azienda post Covid 19. Solo le imprese che cambieranno miglioreranno poiché senza cambiamenti nulla può migliorare.
Fabrizio Vigorita "Yamaguchi"
Credit Manager Mizuya